domenica 10 dicembre 2017

FELICE CASORATI, L'ATTESA

Come se fosse un ritratto. Quasi lei si chiamasse Italia.


Felice Casorati, L'attesa. (1919)
Tempera su tela di cm 139,5 x 130.
Collezione privata


Una sera d’inverno, anche se per il calendario è ancora autunno. La pioggia che batte sui vetri. Il vento. Una lussuosa mezz’ora tutta per me. La tentazione di giocare all’esteta. John Coltrane, Giant's steps, “passi da gigante”. Vinile, e con qualche graffio, se no che gusto c’è? 

domenica 3 dicembre 2017

PETER BRUEGEL IL VECCHIO, LA PARABOLA DEI CIECHI

"Nei suoi dipinti ogni uomo è un noi."


Peter Bruegel il Vecchio, La parabola dei ciechi (1568)
Olio e tempera su tela di 85 x 154 cm
Museo di Capodimonte, Napoli.
Ciechi guidati da ciechi. Ammettiamolo, mentre ci sembra di brancolare nel buio assieme a tutta la nostra società, a volte ci sentiamo così. 

lunedì 27 novembre 2017

KATSUSHIKA HOKUSAI, GRANDE ONDA AL LARGO DI KAGANAWA

Un'immagine celebre e un  viaggio tra Giappone e Occidente.


Katsushika Hokusai Grande onda allargo di Kaganawa, 1832
Stampa a blocchi di legno su carta di 38 x 26 cm
Vari musei e collezioni. 
Quel giorno le navi dell’ammiraglio Perry arrivarono nella rada di Uraga, vicino a Tokio. Vi ormeggiarono i loro scafi dipinti di nero, puntarono i loro cannoni sulla capitale e costrinsero il Giappone ad aprire i suoi porti al commercio mondiale. Era l’otto luglio 1853. 

domenica 19 novembre 2017

JAMES ENSOR, L'ENTRATA DI CRISTO A BRUXELLES

Un panorama umano che è già dei nostri giorni.


James Ensor, L'entrata di Cristo a Bruxelles (1888)
Olio su tela di 253 x 431 cm.
Getty Museum, Los Angeles.

Era un folle, schizofrenico e paranoico, dicono gli psichiatri. Uno di loro, Hans Prinzhorn, lo affiancò a Van GoghNolde Kokoschka in un saggio del 1922 dal titolo significativo: L’attività plastica nei malati di mente.  

sabato 11 novembre 2017

JUAN SANCHEZ COTAN, NATURA MORTA

Il volto metafisico del disinganno.

Juam Sanchez Cotan, Natura morrta, 1602
Olio su tela di 68,9 x 84,5 cm
San Diego Museum of Arts

Ci sono aspetti di una società e della sua cultura che trovano il proprio specchio più fedele nelle opere d’artisti che, per una qualche ragione, sono pressoché ignoti al grande pubblico. Non ho la necessaria prospettiva storica per dire chi stia offrendo la migliore rappresentazione di questa nostra epoca, tanto insicura da non essersi neppure data un nome, ma conosco un pittore che ha espresso perfettamente, quattro secoli or sono, un sentimento che appartiene a tanti della mia generazione.

giovedì 21 settembre 2017

DUE PAROLE DI SAGGEZZA

Paul Gaguin, Due donne tahitiane (1891). Olio su tela di 69 x 91,5 cm.
Museo d'Orsay, Parigi.
Ogni lingua ha una storia antica quanto Homo Loquens, vecchia di decine o centinaia di migliaia di anni. Questa è una delle ragioni per cui trovo ridicolo assegnare maggior prestigio a un idioma solo perché la cultura che trasmette ha avuto fortuna per qualche secolo; per quello che è solo un batter di ciglia rispetto alla durata dell’avventura umana. 

sabato 13 maggio 2017

VINCENZO RABITO, TERRA MATTA

“Se all'uomo in questa vita non ci incontro aventure, non ave niente darracontare.”





Cos’è la letteratura? Non lo so e non so neppure se abbia senso porsi la domanda. Credo, però, di saperla riconoscere quando la incontro, proprio come mi è  capitato nelle pagine di questo libro.